Banner
Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Mental ray 3.10 3ds max 2013 Vol.1 Rendering

Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
AddThis Social Bookmark Button

Mental ray 3.10 3ds max 2013 Vol.1 Rendering

In questi giorni abbiamo provato e testato il video corso dedicato a Mental ray per 3ds max; sei ore e 30 minuti divise in 71 lezioni frutto di anni di analisi e utilizzo di 3ds max da parte del noto operatore certificato Autodesk Marcello Pattarin (Mark21) con 20 anni di esperienza formativa e pratica.


Si parte dall'analisi dell'interfaccia di Mental ray per passare poi alle impostazioni di rendering e di tutti quei comandi corredati da esercizi per creare delle immagini realistiche. La prima parte delle lezioni analizza le impostazioni della qualita' dei render relative agli algoritmi di antialiasing comparate con la visualizzazione di immagini in PhotoShop.


Come tutti i motori di rendering Mental ray gestisce la qualita' dei materiali attraverso riflessioni e rifrazioni, sono quindi analizzate le impostazioni degli algoritmi Scanline e Ray Tracing per realizzare illuminazioni più o meno avanzate. Come noto Mental ray ha la possibilità di estendere questi algoritmi di calcolo attraverso delle sottocategorie integrate all'interno del motore denominate Bsp e Bsp2. Queste possibilità ci consentono di ampliare le performance in relazione ai tempi necessari per completare un'immagine.

Un argomento importante riguarda anche la tecnologia SubSet pixel che rappresenta una evoluzione di shader introdotta sia nei materiali e sia nei controlli del rendering. Attraverso queste tecnologie si ha la possibilit à di determinare delle aree specifiche del rendering da sottoporre al calcolo eliminando la necessità di creare delle immagini complete e risparmiando così tantissimo tempo.


L'autore ci mostra come in ogni rendering sono presenti delle camere con svariati shader che aumentano le possibilità di generare delle immagini con effetti particolari, come la distorsione o come i contorni artistici presenti anche in programmi di foto ritocco. Col proseguire delle lezioni si vedono esempi di fotografia applicati al render: in particolare alla profondità di campo o effetti di movimento per oggetti che si muovono a elevata velocità come nelle fotografie di carattere sportivo.


Viene spiegato con attenzione l'effetto Displacement, tecnica molto utilizzata in ambito architettonico per la generazione di materiali convincenti, senza bisogno di modellare effettivamente l'oggetto in tre dimensioni o ad esempio per generare dei filamenti d'erba semplicemente utilizzando dei materiali e delle texture adattate.


Proseguendo con l'analisi degli argomenti viene spiegato come in Mental ray sia possibile replicare in modo fedele l'illuminazione indiretta della luce attraverso due metodi di generazione: la prima possibilità analizzata è il Final Gather, il quale dà la possibilità di replicare molto facilmente i rimbalzi della luce proveniente dal sole o proveniente da luci artificiali, cosa non possibile con il vecchio metodo Scanline.


Il video corso prevede anche una parte dedicata alla generazione di animazione, sempre attraverso il Final Gather che con l'aiuto dei salvataggi delle mappe saranno molto importanti per risparmiare tempo durante il processo di creazione della intera animazione.


Un'altra tecnica di illuminazione indiretta molto sofisticata che vedrete nel videocorso è la Global illumination, che a differenza del Final Gather utilizza le particelle della luce denominate fotoni. Questa caratteristica conferisce a Mental ray la possibilità di relazionarsi alla illuminazione con una qualità iperrealistica; vengono quindi analizzate le impostazioni di tutti parametri ed illustrati i pregi ed i difetti di utilizzo di tutte e due le tecniche.


Essendo un corso per utenti che utilizzano per la prima volta Mental ray gli argomenti hanno una curva di apprendimento molto graduale. Infatti nonostante ci si addentri nella trattazione di argomenti molto specifici e avanzati il corso fornisce agli utenti la possibilità di utilizzare il programma professionalmente dando sempre una occhiata ai tempi di rendering.


Viene anche introdotta l'illuminazione del sole e del cielo per realizzare delle immagini di interni o esterni realistiche. Questo significa che tutti gli utenti che si occupano di rappresentare scene di architettura o scene di design apprezzeranno molto la possibilità di comprendere come in Mental ray sono state replicate fedelmente le condizioni di illuminazione naturale.


Si accenna anche a come gli effetti di caustiche si possono replicare per oggetti come liquidi o per oggetti trasparenti e si evidenzia il loro comportamento in relazione all'attraversamento di oggetti di vetri colorati o di diverso spessore.



Concludendo possiamo dire che questo video corso è davvero interessante, essendo espressi tutti i principali argomenti necessari alla generazione del rendering. La quantità degli argomenti analizzati in queste sei ore e 30 minuti sono una base fondamentale.


Infine per completezza l'autore mette a disposizione i file di esercizio indispensabili per un corretto apprendimento. La vendita prevede 2 diverse versioni, una commerciale ed una per studenti. Per maggiori informazioni eccovi i link:


commerciale: http://www.the3dstudio.com/product_details.aspx?id_product=673816

studenti: http://www.the3dstudio.com/product_details.aspx?id_product=673860.

Una volta scaricati dopo l'acquisto sul proprio hard disk essi dovranno essere attivati tramite una richiesta di password personale

FAQ: http://www.tutors3d.com/domande-e-risposte.html



You need to login or register to post comments.
Discuti questa news nel forum. (0 posts)

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information