Banner
Italian English French German Portuguese Russian Spanish

MAYA GUIDA COMPLETA, VOLUME II - Recensione

Valutazione attuale: / 4
ScarsoOttimo 
AddThis Social Bookmark Button

 

MAYA GUIDA COMPLETA, VOLUME II

Appena 2 mesi fà vi avevamo annunciato la notizia dell'uscita del volume II del libro su Maya edito da Edizioni Imago, oltre 1000 pagine a colori corredato da un dvd con esercizi, scene ed asset. Appena nelle nostre mani abbiamo iniziato a studiarlo ed ecco cosa abbiamo scoperto.
Il manuale è strutturato in 12 Capitoli, aggiornati a Maya 2016 ed un’appendice. Il manuale si concentra fortemente sulle tematiche legate allo Shading Network e al Texturing Multi Channel, usando a pretesto come motore di render  “Maya Software”. Le conoscenze acquisite nello Shading network risultano fondamentali per impiegare appieno tutti i motori di rendering anche avanzati compreso Renderman e Arnold render oltre che a V-Ray, ogni aspetto è trattato nei vari componenti, affiancando sempre la fase teorica a quella pratica, al fine di porre delle solide fondamenta sulla gestione basilare delle sorgenti luminose in un’ambiente tridimensionale.



L’analisi inizia con un Capitolo introduttivo con dei cenni sommari sulla storia del render, oltre che sui motori di resa alternativi disponibili per Maya.



Il Capitolo 2 analizza le diverse fonti luminose di base disponibili, affiancata da tutto ciò che ne consegue (light effect, light fog, etc..), oltre che all’analisi della telecamera, comprensiva degli effetti (motion blur e depth of field).



Il Capitolo 3 è interamente dedicato ai Maya Shader, i quali hanno un’elevata integrazione con altri motori di render. Il tipo di analisi pone alla base il concetto del singolo attributo, inteso non solo nel modo in cui esso funziona, ma nel modo in cui lo stesso agisce: tale binomio didattico permette di forgiare una forma mentis più aperta e flessibile, capace di adattare tale conoscenza anche ad altri motori di resa.



Il Capitolo 4 esamina tutto l’intero comparto delle texture procedurali (2D e 3D) ed i nodi Utilities, tramite i quali poter generare complessi costrutti di nodi.



Il Capitolo 5 è interamente focalizzato alla gestione dello shading network, coadiuvando quanto appreso nei Capitoli 3 e 4. Per analizzare quest’aspetto importante, nonché basilare nella gestione dei materiali in qualunque motore di resa, è usato a pretesto Maya software: ciò non deve essere considerato come una penalità, perché tutti i nodi di Maya sono pienamente supportati da altri motori di render (V-Ray, Turtle, mental ray, Arnold render, etc.). L’analisi dello Shading Network rappresenta una tappa obbligatoria, soprattutto perché punta a creare una vera e propria forma-mentis orientata al “node flow”, cioè alla gestione delle connessioni per costrutti di nodi semplici o complessi che siano.



Il Capitolo 6 si articola in quattro parti ben distinte. La prima è interamente dedicata allo Studio d’Illuminazione, la seconda tratta la “teoria del colore” e le ultime analizzano l’uso di Photoshop per creare le texture che occorrono ad un materiale per essere rappresentato (Color, Bump, Diffuse, Specular, etc).
L’analisi del texturing si articola su due binari: il texturing multi channel che prevede l’uso di Photoshop ed il texturing procedurale che prevede la creazione di un materiale in pietra tramite una stratificazione multipla delle texture di Maya. Tale gestione si affiancherà allo studio d’illuminazione trattato ad inizio Capitolo: al completamento della lettura si avranno delle più solide fondamenta, impiegabili a replica di materiali complessi e realistici.



Il Capitolo 7 rappresenta l’evoluzione dei precedenti, perché amalgama la gestione dei materiali con lo studio dell’illuminazione (shading e lighting) e ciò avverrà con due scenari: natura morta e illuminazione di un pallone da calcio.



Il Capitolo 8 è interamente focalizzato al completamento della Ferrari Enzo, già iniziata con Maya Guida Completa Vol. 1 per gli esterni: il processo è improntato all’analisi accurata di una forma complessa, soprattutto sotto il profilo degli edge loop per creare i diversi dettagli. Gli interni della Ferrari Enzo affrontano tematiche: modellazione operata essenzialmente tramite uso di materiale fotografico, impiegato come riferimento visivo e da cui sono estratti i potenziali blueprint; creazione di cavità su geometrie poligonali che presentano un livello di curvatura molto alto in cui l’uso dei comandi di Boolean è visionato nel rispetto di determinati criteri d’utilizzo; migliore interpretazione delle curvature sulle superfici chiamate in causa; aggiunta di elementi inventati parzialmente, a chiusura di volumi nelle varie aperture, sulla base dell’inquadratura scelta.



Il Capitolo 9 concerne gli aggiornamenti avvenuti nelle precedenti versioni, e particolare spessore è rivolto nuovamente al texturing multi channel, data la presenza di un esteso Tutorial che prevede la costruzione graduale di uno materiale complesso basato sulle Substance Textures, Shading Network e Texture Procedurali.



Il Capitolo 10 esamina Maya vector come motore di resa alternativo a Maya software, per la creazioni d’immagini vettoriali.



Il Capitolo 11 riguarda il modulo PaintFX, esaminato in ogni suo attributo per concludere con la creazione procedurale spiegata passo passo di elementi personalizzati per mettere l’Utente in condizione tali da potersi creare da zero i propri pennelli.



Il Capitolo 12 tratta del modulo Toon preposto alla resa di tipo cel shading, simulando una vasta gamma di effetti di tratteggio: lavora in stretta correlazione del PaintFX, dal quale ne sfrutta l’ampia gamma di pennelli per definire lo stile del tratteggio stesso.



Come di consuetudine il manuale divide Tutorial e Progetti. I primi rappresentano semplici esercitazioni, focalizzate a far acquisire una maggiore familiarità con le singole funzionalità, mentre i secondi rappresentano l’evoluzione degli stessi Tutorial, poiché descrivono scenari più complessi, articolandosi su un flusso di lavoro molto più ampio e integrato.



Maya Guida Completa Vol. 2 è un manuale destinato agli Utenti di qualsiasi livello, sia per chi si avvicina per la prima volta alla grafica 3D e a Maya, sia per chi intende affinare le proprie abilità tecniche e migliorare la propria efficienza produttiva. Tuttavia il manuale è stato redatto prediligendo maggiormente l’Utente neofita che intende avvicinarsi alle tematiche del rendering, favorito da una curva di apprendimento gradualmente in ascesa.
Il volume comprende un DVD con tutti i dati, scene, texture, materiali, modelli e altro necessario per svolgere i vari esercizi e tutorial e per controllare quanto appreso o impostato.
Il costo è di 89 euro se acquistato singolarmente o euro 135 (in luogo di 179 euro) se acquisto insieme al volume I.
Link utili per ordini e altri dettagli dell’opera:

http://www.imagonet.it/manmaya2.html
http://www.imagonet.it/manmaya1.html
http://www.imaginaction.com/shop/manuali/maya-guida-completa-volume-i-ii.html

Facciamo i complimenti all'autore Roberto Strippoli e all'editore Imago nella persona del direttore Antonio De Lorenzo









You need to login or register to post comments.
Discuti questa news nel forum. (0 posts)

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information