Banner
Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Ottaviano Brando's Interview - environments tD Framestore

Valutazione attuale: / 6
ScarsoOttimo 
AddThis Social Bookmark Button



Logo            3D Again




Otto Brando - Environments TD Framestore


Vi invitiamo a visitare il suo sito ufficiale


"Italiano"

Diamo il benvenuto su 3Dagain a Otto Brando, Environments technical director Framestore. Grazie per aver accettato la nostra intervista.


"English"

Welcome to Otto Brando, Environments technical director Framestore. Thank you for accepting our interview.


"Italiano"

1) Ciao Ottaviano, vuoi dire ai nostri lettori chi sei e come hai iniziato la tua carriera?

Ciao a tutti i lettori di 3D Again, come prima cosa volevo dire chiamatemi Otto :) come tutti gli amici fanno!
Ho 28 anni e sono un Lucano, anche se pochi lo sanno esiste una regione in Italia che custodisce meraviglie incredibili, come la mia città, Maratea,  di nome Basilicata nella quale io e tanti altri amici sono nati.
Finito il Liceo Scientifico mi sono spostato a Roma dove ho vissuto per 6 anni e da dove tutto è iniziato con il corso di Grafica e Progettazione Multimediale alla sede di Valle Giulia (La Sapienza)



"English"
1) Hi Ottaviano, can you tell us who you are and how you started your career?

Hi to all 3D Again Readers, first of all I would say, please call me Otto, as all friends of mine do!
I'm 28 and I'm from Lucania. Even if few people know the city where more friends and I come from, Maratea, I have to say it's in the heart of an incredible part of Italy, called Basilicata. At the end of high school specialized in science education, I moved in Rome, where I lived for six years and where everything started with Graphics and Multimedia Design Course I attended (University of Sapienza - Valle Giulia).


"Italiano"

2) Laurea in "Grafica e Progettazione Multimediale", Master alla "Vison" , poi quello alla "Big Rock". Allora le scuole italiane riescono a formare?

In Italia abbiamo ottime scuole e cosa più importante ottime persone, non sempre i due fenomeni si presentano contemporaneamente, io ho avuto la fortuna di incontrare molte persone di grande valore artistico e umano che da professori o datori di lavoro, sono diventati amici e con i quali ancora oggi mi comfronto. L'università all'epoca in cui l'ho fatta io purtroppo non era ancora nulla di definito, è stato un arrancare per 3 anni tra aule ed esami che con la grafica a volte non avevano nulla a che vedere. La fortuna ha voluto che al terzo anno ho incontrato quello che poi è diventato il mio mentore, Nicola Sganga, che appunto mi ha guidato e avviato a questa
professione. La sua società, Vision, che vinse un David di Donatello con "Il Divo" di Paolo Sorrentino, all'epoca mi ha portato a conoscere 3D Studio Max  e grazie appunto a Nicola e ai docenti tra cui Fabio Barretta (attualmente Matte Painter in Blizzard) ho iniziato a "camminare" in questo settore.
Non sentendomi ancora del tutto pronto per il mondo del lavoro decisi, anche sotto consiglio di Nicola, di andare alla Big Rock a Meolo vicino Treviso. Esperienza di 6 mesi positivi, ho incontrato tanti ragazzi veramente bravi con i quali sono cresciuti sulle basi di quello che apprendevamo al corso, è stato un bagno di sangue tra le varie consegne settimanali che avevamo e lo studio personale per migliorarci , ma alla fine siamo riusciti a uscirne
vincitori :)


"English"
2) Graphics and Multimedia Design degree, MBA at Vison, MBA at Big Rock. So Italian school are still valuable?

In Italy we have great schools and great people working in them, unfortunately sometimes the two things are not concurrent, but I've been so lucky meeting good people and great professionals, professors, employers, who became friends to confront to. When I started university, the degree course I chose was still in settlement, it was really hard: to much courses to attend, exams sometimes heterogeneous and far from graphics.
When I was attending my 3rd year of university, the Fate made me cross the person who became my mentor and helped me start in this field, Nicola Sganga. Thanks to Mr Sganga and his company, Vision (David di Donatello for the movie "Il Divo" - Director Paolo Sorrentino), I started working on 3D Studio Max whit very good teachers, such as Fabio Barretta (Matte Painter in Blizzard), and took my steps forward in this field.
After that, I didn't feel still ready to start working and decided to spent the next 6 months in training at Big Rock, another italian great company, located in Meolo near Treviso. I met skillful and clever guys, we spent weeks trying to deliver in time our works and studying at the same time... it was really hard, but helpful!


"Italiano"

3) Comix Lab e Spark a Roma poi Madrid, Bruxelles, Praga, ed ora Londra. Hai girato parecchio; che insegnamenti hai tratto da questo tuo peregrinare per le citta europee e che differenze hai notato con le realtà italiane?

Si negli anni a Roma sono passato da Spark dove ho fatto il torocinio per l'università per un periodo di 6 mesi dove ho conosciuto Lucio Farina (attualmente Lighting Artist in Lucasfilm) che mi ha seguito mentre come un bimbo andavo a gattoni tra i poilgoni e le luci, poi Comix Lab dove sono stato 2 anni e ho appreso l'arte della stampa e della grafica 2D da Giovanni e Paola, due persone e amici fantastici. Partito dopo aver vissuto 1 anno a Milano mi si è aperto un mondo tra nuovi colleghi, nuove lingue e nuove culture tutte europee ma tutte cosi diverse. Grazie a questo girovagare sono cresciuto moltissimo a livello professionale grazie anche a tutti i colleghi incontrati nelle varie società che mi hanno regalato ognuno a suo modo "segreti" di questo mestiere cosi bello. Purtroppo non ho lavorato molto in produzione in italia, erano tutti studi piccoli e per il lavoro che ci si trovava a fare non esisteva una pipeline o tool o script, si lavorava con quello che si aveva a disposizione.
Ma so che ci sono belle realtà e spero continuino a sopravvivere e crescano per poter un giorno tornare e dare qualcosa anche nel mio paese.


"English"
3) Comix Lab e Spark in Rome then Madrid, Bruxelles, Prague and now London. You travelled so much. What you learned? What is different in your opinion in Europe and Italy?


During my stay in Rome, I did a 6 months training in Spark for University, where I met Lucio Farina (now Lighting Artist at Lucasfilm), who helps me still in my infancy, working between lights and polygons; after that I spent 2 years in Comix, where I learned the art of Print with Giovanni and Paola, incredible persons and friends. I moved from Italy after one year in Milan and I discover how different could be the european cities I visited, languages, cultures, traditions and colleagues. Thanks to all companies and people I met in my trips, I grown up with secrets, advices and tips of this wonderful job. Unfortunately I worked few times for Italian companies, often they are small and not use to work with high specialized people. But I'm sure there's a good potential in my Country and I hope, one day, to come back and do memorabilia.

"Italiano"
4) Hai lavorato alla produzione di "Un Monstre a Paris". Spiegaci di cosa ti sei occupato in questo film.

Si questo film per la parte di lighting è stato prodotto a Bruxelles a "Walking the dog", io sono stato chiamato nella fase in cui si stava portando avanti il light setup quindi la configuarazione di tutte le luci per  poi creare il lighting che sarebbe stato utilizzato poi shot per shot nella parte finale quando ormai tutto era pronto per essere renderizzato e compositato dopo le nececssarie approvazioni da parte dei supervisori.


"English"
4) You worked for "Un Monstre a Paris". Tell us about your involvement in this movie.

This movie has been produced by "Wolking the dog", located in Bruxelles. They hired me for all concerning the light setup and shape of lightning involved in the post production for shot by shot compositing (surely after all supervisors approvals!).

"Italiano"
5) Da un po di tempo ti sei fermato a Londra a Framestore: com' é lì la tua giornata lavorativa tipo? Quali sono gli standard qualitativi che la Framestore richiede ai suoi artisti?

Sono da 3 mesi in Framestore, e devo dire che le giornate passano tranquille tra dailies (revisioni giornaliere) e lavoro. La mia giornata inizia alle 9,30 con un caffè, per poi procedere con il lavoro dopo aver fatto un briefing con il mio supervisore di quello che c'è da sviluppare in giornata se ho finito il mio lavoro il giorno prima.
Capitano a volte meeting nei quali tutti i supervisori e i colleghi del mio team ci riuniamo per vedere il lavoro come sta procedendo, mentre i supervisori ci danno indicazioni sulle correzioni che vuole il regista. Per poi uscire alle 6 / 6,30 e bersi una buona birra al pub vicono lo studio. Lo standard che si richiede è al pari del nome della società, molto elevato, con persone che hanno una grande esperienza oltre a caratteristiche artistiche e tecniche di grande valore.


"English"
5) Far back you're staying in Framestore in London. How's your day at work? What level of standard the company demand?

I've been in Framestore since 3 months, and my days flows between dailies and workflow. I'm in office at 9.30 am with a coffee, then I start working after my supervisor guidelines based on new work incoming projects or ending the work in progress. Sometimes we do meetings with all colleagues and supervisor of the team, to discuss about the workflow of projects and eventual adjustments based on the director need. At the end of the day, about at 6.30 pm, I use to have a beer with some friends near the Studios.
Framestore is a famous company made by professionals with proven experience and great artistic skills. We are
expect an highest level of work.

"Italiano"
6) A quale film stai lavorando in questo periodo? Puoi svelarci qualcosa?

Ora sto Lavorando a 47 Ronin, con Keanu Reeves, distribuito dalla Universal Pictures.
Purtroppo non posso dire molto, ancora non c'è materiale on line ma tra 1 po' usicrà il primo trailer, aspettate e vedrete :) Ci stiamo occupando di molti shot nei quali stiamo sviluppando tutto ciò che riguarda la parte di Vfx.


"English"
6) What movie you're working on now? Can you tell us some secrets?

Now I'm working on 47 Ronin, performed by Keanu Reeves and distributed by Universal Pictures.
I can't say anything (we're still working on it), but soon you'll see the first trailer! At the moment we're working on all concerning the VFX.

"Italiano"
7) Andiamo un po sul tecnico, cosa fà un lighter?

:) bella domanda... diciamo in parole spicciole che il lighter è colui che "accendendo" luci e ombre da' profondità a una scena, oltre che ai personaggi e crea quello che l'occhio vede e il cuore sente: una emozione :)
In parole tecniche ricrea, tramite l'uso delle diverse luci, la giusta ambientazione nei vari shot per avere una coerenza di illuminazione per tuto il film in base alle indicazioni del direttore artistico e il regista.


"English"
7) Changing the subject.. what exactly do a lighter?

That's a good question! I can say that a lighter, using properly light and shadows gives depth to background and characters, trying to create what your eyes can see, but specially what your heart can feel... an emotion!
By technical way, a lighter use digital lights to fit the lightning in all the movie background, in a consistent way, based on Art director and director guidelines.

"Italiano"
8) Raccontaci un episodio triste o divertente che ti è capitato nella tua carriera artistica.

Non ho vissuto molti episodi tristi fuori dall'Italia nella mia cariera se non il salutare i colleghi dopo un periodo di lavoro e risate insieme e sapere di rivederli dopo molto tempo. Un episodio simpatico, invece, è stato quando un giorno a Bruxelles un collega dopo aver perso una scommessa la sera prima al pub si è presentato con trucco
calze a rete e un vestitino rosso restando cosi tutto il giorno in studio tra le risate di tutti.


"English"
8) Can you tell us a funny and an unhappy story about your career?

It's always sad to leave a company and a team where you worked well for a while. A funny story is about one of my colleagues in Bruxelles, who came at office with make up, stockings and a red dress because he gambled away the evening before.

"Italiano"
9) Sogno nel cassetto?

Bhè per ora il mio sogno sarebbe poter aprire uno studio mio per poter continuare a fare questo lavoro con le persone che con me hanno sofferto e gioito in questi anni e prendersi qualche soddisfazione con i nostri lavori.


"English"
9) Your secret wish?

one day I would like to own a company with all the people I shared joys and sorrows, time and experiences, to get gratifications from all the work we did.

"Italiano"
10) Otto abbiamo finito. Ultima domanda, qual'è il futuro della C.G.?

Non sono di certo un chiromante, ma credo che questo lavoro porterà ancora molti ragazzi a creare effetti e strumentazioni che ci lasceranno sempre più a bocca aperta continuando a farci sognare come ha saputo fare una semplice luce che giocava con una palla ;)


"English"
10) Otto, we've done. What is the CG future?


I'm not a fortune teller... But I'm sure CG guys will work on visual effects and technical tolls that make us wow more and more... like the light playing with ball did!


"Italiano"

Grazie per esserti sottoposto alla tortura delle nostre domande.Buon 3D,anzi Buon 3DAGAIN. Ti aspettiamo sul Forum con uno dei tuoi prossimi lavori o Making of.


"English"

Thank you to be subjected to the ‘torture’ of our questions. Have a good 3D or better a good 3DAGAIN! We are waiting you on the Forum with one of your next work or Making of.


MiniGallery

AdmirorGallery


You need to login or register to post comments.
Discuti questa news nel forum. (0 posts)

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information