Banner
Italian English French German Portuguese Russian Spanish

Arturo Tedeschi autore di - AAD Algorithms-Aided Design. Parametric strategies using Grasshopper

Valutazione attuale: / 8
ScarsoOttimo 
AddThis Social Bookmark Button


Ciao Arturo benvenuto su 3dagain.com
Grazie per l'invito,


1) Allora raccontaci un po di te, chi sei, di cosa ti occupi e che studi hai fatto?

Sono un architetto che in un momento preciso della sua carriera ha deciso di dedicarsi alla ricerca indipendente, spinto dalla curiosità di esplorare le potenzialità che il computer poteva offrire alla progettazione. Non solo quella architettonica.
Ovviamente non parlo dell'utilizzo dei software CAD ma della scrittura di algoritmi nella descrizione delle relazioni geometriche e spaziali. Oggi, accanto alla ricerca, mi occupo di didattica e lavoro come consulente nell'ambito della progettazione di forme complesse, dal design all'architettura.  



2) Come nasce la passione per la computer grafica e come poi essa è diventata la tua professione?

In realtà non mi occupo di computer grafica in senso stretto. Della CG condivido gli strumenti e l'ambiente di sviluppo, ma il mio obiettivo è raramente costituito dalla elaborazione di immagini digitali; in genere l'output finale del mio lavoro contiene le informazioni per poter "fabbricare qualcosa": informazioni numeriche (coordinate di punti) nel caso di oggetti da realizzare con stampanti 3D o informazioni geometriche e di assemblaggio nel caso di componenti per l'architettura.


3) E' uscito in questi giorni il tuo ultimo libro AAD Algorithms-Aided Design. Parametric strategies using grasshopper subito diventato best seller su Amazon, c'è ne vuoi parlare e sopratutto per chi è indicato?

AAD Algorithms-Aided Design, sin dal titolo, denuncia la sua ambizione di diventare un testo di riferimento, in grado di spostare l'attenzione dei lettori (studenti, professionisti o semplici curiosi) dal computer agli algoritmi. L'affermazione potrebbe apparire pretenziosa e contraddittoria, ma gli algoritmi non sono altro che procedure (sviluppabili su un foglio di carta) che il computer, semplicemente, è in grado di eseguire. La piattaforma Rhinoceros - Grasshopper, su cui è basato il libro, consente esattamente di fare questo: generare forme complesse senza alcuna interazione con oggetti tridimensionali, ma attraverso la definizione di algoritmi visuali che descrivono le relazioni tra le parti di un modello 3D.
Il libro segue la filosofia della mia prima pubblicazione (Architettura Parametrica - Introduzione a Grasshopper) e traccia, pertanto, un percorso graduale dalle informazioni di base alle ricerche più avanzate (come form-finding ed ottimizzazione topologica) passando per temi vicini alla CG come mesh e superfici di suddivisione. Un'intera sezione è dedicata alle tecniche di fabbricazione digitale ed alla generazione di modelli tridimensionali prototipabili mediante tecniche di stampa 3D. Il testo approfondisce contenuti teorici e propone esercitazioni mirate, che vanno oltre la logica del tutorial. Le 496 pagine ospitano, inoltre, contributi di ricercatori e professionisti appartenenti a realtà accademiche e professionali di altissimo livello, come Harvard University, AA School e Zaha Hadid Architects.     


4) I software di modellazione come Rhino ed in particolare il plugin Grasshopper cosa second te hanno portato nel mondo dell'architettura.

L'effetto, per così dire, "visibile" è l'esplosione della complessità geometrica nell'architettura iconica degli ultimi quindici anni. Gli strumenti come Rhino e Grasshopper hanno consentito di controllare la complessità e dar forma a visioni che spesso nascevano da ricerche iniziate nei decenni precedenti. L'effetto secondario, meno visibile (ma non meno importante), risiede nelle nuove sperimentazioni in grado di mettere a sistema controllo della forma, efficienza strutturale e rapporto con l'ambiente (naturale, costruito e virtuale).     


5) Progetti per il futuro?

Continuare ad occuparmi di divulgazione attraverso la mia attività didattica indipendente, affiancando ad essa nuove proposte editoriali. La mia grande ambizione è portare ciò che definisco "Algorithmic Thinking" all'interno dell'insegnamento accademico. Poi, in cantiere, diversi progetti sperimentali a scala architettonica che spero possano essere realizzati in breve tempo.



Un saluto ai lettori di 3DAgain

Arturo


You need to login or register to post comments.
Discuti questa news nel forum. (0 posts)

We use cookies to improve our website and your experience when using it. Cookies used for the essential operation of the site have already been set. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information